Dal 2019 la Fondazione Ebris ha implementato diversi core di sequenziamento e analisi molecolari:

Microbioma
L’analisi del Microbioma consiste nella caratterizzazione del microbiota intestinale umano (complesso insieme di microrganismi che risiede nel tratto intestinale di ogni individuo) in termini di composizione e struttura funzionale e nell’individuazione delle modalità con cui influisce sullo stato di salute dell’individuo. Con il sequenziamento ad alta capacità sarà possibile classificare le specie batteriche presenti nel tratto intestinale di ogni individuo.

Organoidi & Bioingegneria
La Fondazione ha avviato un promettente studio sugli organoidi, utilizzandoli per valutare l’impatto in termini di efficacia e tossicità di un nuovo farmaco sulla fisiologia dei vari organi. Gi organoidi sono definibili come aggregati di cellule che assumono spontaneamente una precisa conformazione tridimensionale, finendo con l’assomigliare a organi in miniatura. Tale capacità li rende essenziali per ottenere informazioni nuove sullo sviluppo dei vari organi e sulle interazioni tra i tessuti che li formano nonché dei preziosi modelli cellulari in 3D indispensabili per capire che cosa accade ad un organo in una condizione patologica come il cancro.
Si prevede che gli organoidi diventeranno presto un anello utile nella catena di sviluppo di terapie mirate contro il cancro e molte altre patologie croniche o autoimmuni.

Chimica Farmaceutica
Parte della ricerca all’interno della Fondazione è impegnata nella progettazione e sintesi di nuove molecole biologiche il più possibile compatibili con i target biologici. Grazie all’ausilio di tecniche di chimica computazionale, integrate da metodi biofisici sperimentali, è possibile progettare nuove molecole bioattive per l’intervento terapeutico.
La sintesi organica è la costruzione di molecole organiche progettate attraverso processi chimici.
Le molecole così sintetizzate vengono successivamente valutate per la loro attività farmacologica, ossia testati come potenziali agenti terapeutici e per la loro tossicità.
Nei nostri laboratori è stata da tempo implementata la sintesi di numerose librerie molecolari: gran parte dei composti sono già in fase di valutazione biologica, in vitro, per testarne l’efficacia su diverse linee cellulari tumorali resistenti ai farmaci tradizionali.

PARTNERSHIP

Oltre ai propri team di ricercatori, la Fondazione accoglie presso i suoi laboratori attività di ricerca di professionisti provenienti da Istituti di ricerca ed Università del territorio con cui ha avviato rapporti di cooperazione e partnership.